Il portale del Medico del Lavoro Competente

Ricerca

Login

Informazioni

Permesso di lettura:
Tutti gli utenti
Permesso di scrittura:
Utenti registrati

Network

Standards web

Valid XHTML 1.1! Valid CSS!

malattia professionale riconosciuta

Questo argomento ha avuto 5 risposte ed è stato letto 2452 volte.

mastif

Nessun avatar per questo utente
Provenienza
Cagliari
Professione
Altro (Non presente in elenco)
Messaggi
5
  • malattia professionale riconosciuta
  • (06/10/2010 10:15)

salve,sono un autoferrotranviere,come professione autista etÓ 56 anni contributi 35,l'inail mi ha riconosciuto infortunio/ malatia professionale per causa di servizio come patologia dovuta allo schiacciamento di vertebre e discopatia,vorrei a questo punto avere da voi qualche info in merito a come mi devo muovere in azienda,in quanto essendo ancora alla guida di autobus mi ritrovo mensialmente a dovermi assentare dal lavoro perchŔ impossibilitato da dolori che mi limitano la professione,mi spetta un cambio di mansione?o un turno agevolato che mi consenta di recuperare le capacitÓ fisiche?grazie per una eventuale risposta.

alessandrociberti

alessandrociberti
Provenienza
Massa Carrara
Professione
Medico del Lavoro Competente
Messaggi
118
  • Re: malattia professionale riconosciuta
  • (06/10/2010 22:06)

Le consiglio di richiedere una visita con il medico competente aziendale cha valutareÓ la sua situazione clinica e stilerÓ un giudizio di idoneitÓ.

Cordiali saluti

Dopo lĺistante magico in cui i miei occhi si sono aperti nel mare,
non mi è stato più possibile vedere, pensare, vivere come prima.
(Jacques-Yves Cousteau)

mastif

Nessun avatar per questo utente
Provenienza
Cagliari
Professione
Altro (Non presente in elenco)
Messaggi
5
  • Re: malattia professionale riconosciuta
  • (09/10/2010 12:30)

alessandrociberti il 06/10/2010 10:06 ha scritto:
Le consiglio di richiedere una visita con il medico competente aziendale cha valutareÓ la sua situazione clinica e stilerÓ un giudizio di idoneitÓ.

Cordiali saluti

salve la ringrazio per l'attenzione,la mia preocupazione Ŕ che in caso di inidoneitÓ rischio d'essere retrocesso a parametro molto inferiore e quindi questo motivo mi sta frenando a chiedere la visita,a meno che in questi casi la qualifica non possa essere toccata,lei sa qualcosa in merito grazie.

mc pol

Nessun avatar per questo utente
Provenienza
Milano
Professione
Medico del Lavoro Competente
Messaggi
205
  • Re: malattia professionale riconosciuta
  • (15/10/2010 16:24)

Se viene adibito a mansione inferiore conserverÓ comunque la retribuzione originaria (vedi art. 42 D.Lgs. 81/08)

mastif

Nessun avatar per questo utente
Provenienza
Cagliari
Professione
Altro (Non presente in elenco)
Messaggi
5
  • Re: malattia professionale riconosciuta
  • (17/10/2010 12:15)

salve,grazie per le risposte,io se possibile vorrei capire se a me spetta un turno agevolato,l'azienda dice che non esistono le mezze misure,o si Ŕ idonei alla guida o non si Ŕ idonei,la mia patologia dovrebbe essere degenerante,io posso guidare l'autobus chiaramente non posso effettuare corse che durano ore,ho necessitÓ di qualche pausa,per questi casi sono previsti dei turni agevolati grazie.

EtaBeta

Nessun avatar per questo utente
Provenienza
Gorizia
Professione
Medico Competente
Messaggi
121
  • Re: malattia professionale riconosciuta
  • (17/10/2010 19:06)

mastif il 17/10/2010 12:15 ha scritto:
salve,grazie per le risposte,io se possibile vorrei capire se a me spetta un turno agevolato,l'azienda dice che non esistono le mezze misure,o si Ŕ idonei alla guida o non si Ŕ idonei,la mia patologia dovrebbe essere degenerante,io posso guidare l'autobus chiaramente non posso effettuare corse che durano ore,ho necessitÓ di qualche pausa,per questi casi sono previsti dei turni agevolati grazie.

Molti datori di lavoro non capiscono che oltre all'idoneitÓ e alla non idoneitÓ ci sono anche le limitazioni e le prescrizioni, cioŔ "le vie di mezzo". le limitazioni nel suo caso possono essere proprio quelle da lei suggerite: tratte pi¨ brevi, pause ogni tot. Le ditta dovrÓ dimostrare che non Ŕ in grado di ricollocarla...un sindacato potrebbe aiutarla nella tutela dei suoi diritti.

Tutti i diritti riservati - Copyright 2001-2014 MedicoCompetente.it